chimica

La parola chimica deriva da una variabile dal latino e dalle radici arabe chimica, chimia, alkimya, riferimento alchemico, che in seguito diventa il tipo moderno di chimica. Iniziò a differenziarsi dall'alchimia facendo riferimento alla varietà dei componenti e delle composizioni di un elemento, definendo le proprietà di una o una materia e le possibili trasformazioni che sorgono o subiscono senza causare cambiamenti, alterazioni o modifiche su di esso, del quale una materia è modellata.

chimica

Cos'è la chimica

Si dice che la chimica sia la scienza che studia la struttura, la composizione e le proprietà della materia, nonché i cambiamenti che si verificano durante le reazioni chimiche e la loro connessione con l'energia. In un'altra definizione di chimica, sottolinea che è principalmente responsabile di gruppi sopra atomici, come molecole, gas, metalli e cristalli, analizzando le loro proprietà statistiche, composizioni, reazioni e trasformazioni. Nel concetto di chimica, include anche il discernimento delle proprietà e l'interazione della materia a livello molecolare.

D'altra parte, il chimico Linus Pauling afferma che la chimica è una scienza che analizza la struttura (forme e tipi di disposizione degli atomi), sostanze, reazioni e proprietà che le trasformano in diverse sostanze in relazione al tempo.

Un'altra risposta a ciò che è chimica, è che è una delle scienze più significative della storia e i suoi studi hanno permesso di rivelare scoperte in così tante materie, alcune aneddotiche, altre della massima importanza come le droghe, e cura a diverse malattie.

La competenza di questa scienza nello studio delle cosiddette reazioni chimiche, cioè il sistema attraverso il quale due elementi sono collegati e un cambiamento ha origine in alcuni di essi. In questo modo, è consentito fornire alcuni elementi di base a partire da altre scienze come ingegneria, biologia, farmacologia e geologia, tra gli altri; per eseguire le tue analisi.

La definizione di chimica si è evoluta nel tempo man mano che nuove scoperte sono state aggiunte alla funzionalità di questa scienza. La parola chimica, secondo il punto di vista dello scienziato Robert Boyle, nel 1661, si riferiva all'area che analizzava i principi dei corpi misti.

Nell'anno 1662, questo concetto fu gestito come l'arte scientifica attraverso la quale si impara a dissolvere i corpi.

Alchimia: l'origine della chimica

Il termine "chimica" deriva dalla parola "alchimia", un nome dato a un antico gruppo di pratiche proto-scientifiche che coprivano diversi elementi della scienza attuale, così come altre materie come l'astronomia, la metallurgia, il misticismo, filosofia o medicina.

L'alchimia, praticata fin dal 330 circa, che oltre a esplorare la produzione dell'oro, analizzava la natura del movimento, la composizione delle acque, la crescita, la connessione spirituale tra corpi e spiriti, la formazione di corpi e loro decomposizione. Inizialmente, un alchimista veniva generalmente chiamato "chimico", e in seguito il commercio che praticava si chiamava chimica.

Storia della chimica

chimica

È fortemente legato all'evoluzione dell'uomo poiché copre tutte le trasformazioni degli elementi e le corrispondenti teorie.

Nacque nel XVIII secolo dagli studi di alchimia, molto popolare tra gli scienziati dell'epoca. Si ritiene che le basi fondamentali della chimica siano state compilate per la prima volta nel libro dello scienziato britannico "Robert Boyle" (il scettico chymist, 1661).

La sua storia inizia davvero un secolo dopo con gli studi del francese Antoine Lavoisier e le sue opere sull'ossigeno, la legge di conservazione della massa e l'obiezione della teoria del flogisto come teoria della combustione.

L'inizio del dominio chimico è la gestione degli incendi . Ci sono prove che risalgono a più di 500.000 anni, indicando che al tempo dell'homo erectus, alcune tribù stimarono questo risultato che oggi rimane ancora una delle tecnologie più importanti per l'evoluzione dell'uomo. Dal momento che produceva luce e calore durante la notte e aiutava anche a proteggerli dagli animali selvatici. Ha anche permesso loro di preparare il cibo. Conteneva meno microrganismi patogeni ed era molto più facile da digerire. In questo modo la mortalità diminuisce e vengono migliorati gli standard di vita generali.

Il filosofo Aristotele pensava che le sostanze chimiche fossero costituite da quattro elementi: aria, terra, fuoco e acqua. Credeva che esistesse un altro movimento parallelo, l'atomismo, che affermava che gli elementi erano composti da atomi, che sono particelle invisibili che possono essere classificate come unità minima della materia.

Dopo aver compreso i principi della combustione, un'altra discussione molto importante ha preso piede la chimica. Vitalismo e fondamentale differenziazione tra chimica organica e inorganica. Questa teoria presume che la chimica organica potesse essere originata solo da organismi viventi, assegnando questo fatto a una visione intrinseca della vita stessa.

Filiali di chimica

È diviso in una serie di rami che sono descritti di seguito:

Chimica organica

Nella definizione di chimica organica, sottolinea che si tratta dello studio di sostanze chimiche formate da carbonio e idrogeni, poiché queste sono le strutture, i componenti cellulari viventi, lo studio degli esseri viventi e le funzioni primarie e vitali come la respirazione, il cibo e il modo in cui si riproducono, racchiudendo le biomolecole che le compongono come ormoni in modo naturale e artificiale, poiché il carbonio è l'elemento che è in comune tra loro.

Chimica inorganica

La chimica inorganica è chiamata il fatto di non avere una vita propria o di non essere in grado di ottenere una sostanza in modo naturale, questa chimica riesce costantemente a fare studi sulla composizione, la struttura, l'integrazione e la varietà di risorse su questi elementi, corpi o materiale come carbonato di sodio o acido solforico, questa chimica inorganica classifica le soluzioni chimiche in base alla funzione che ciascuno ha, secondo la base, ossidazione e sali metallici, non metallici.

Chimica analitica

chimica

Per comprendere le diverse composizioni della chimica di una materia, di una molecola, di un campione o di un oggetto, sono necessarie conoscenze analitiche ed è qui che nasce questo ramo della chimica, chimica analitica dei diversi metodi scientifici che vengono generati in un laboratorio è possibile suddividere in due rami che sono: chimica analitica quantitativa e chimica analitica qualitativa.

Chimica fisica

È quando applichi la varietà di metodi che la fisica ha ai diversi problemi che i chimici presentano, studiando la fisica, la sua struttura, le proprietà di una materia, le leggi, le interazioni e le teorie chimiche che li governano, descrivendo le procedure applicare termini fisici al fine di comprendere come prevedere e quindi controllare queste procedure per il loro uso successivo, descrivendo le basi dei principi teorici e quantitativi.

biochimica

Questo ramo della chimica studia le basi chimiche delle molecole e dei tessuti, ovvero studia la forma della composizione chimica di diversi esseri viventi, le loro cellule, nonché i componenti, le proteine, i carboidrati, i lipidi e acidi nucleici, al fine di sapere come agiscono con i diversi cambiamenti e le loro reazioni mentre vengono metabolizzati per ottenere energia, accoppiando ciò che è la chimica biomolecolare e il biosistema, essendo una disciplina che integra questi studi.

petrolchimica

Appartiene all'area delle industrie che utilizzano petrolio e gas naturale come materia prima. È responsabile dello studio sui diversi derivati ​​chimici e sui loro prodotti che provengono da petrolio e gas, estraendo tra l'altro sostanze come combustibili fossili, metano, butano, benzina, cherosene, diesel, asfalto e plastica., sfruttandone appieno, hanno ottenuto queste industrie nei loro diversi prodotti, che a loro volta danno per scontate la conoscenza e la forma del meccanismo utilizzato per la loro estrazione.

Cos'è l'ingegneria chimica

È una branca dell'ingegneria che è responsabile dello sviluppo, dello studio, della sintesi, del funzionamento, della progettazione e dell'ottimizzazione di tutti quei sistemi industriali che causano cambiamenti chimici, fisici e biochimici nei materiali.

Si concentra sulla progettazione di nuove tecnologie e materiali, è un importante stile di sviluppo e ricerca. È anche leader nel settore ambientale, poiché aiuta a progettare sistemi e sistemi ambientali amichevoli per la decontaminazione dell'ambiente.

L'ingegneria chimica si basa su scienze di base come la matematica (calcolo, algebra lineare o superiore, metodi numerici, equazioni differenziali, matematica avanzata), altre scienze di base incluse sono: cinetica chimica, termodinamica e fenomeni di trasporto, e discipline applicate come progettazione di reattori, ingegneria di processo, progettazione di apparecchiature per sistemi chimici e meccanismi di separazione. Hanno anche gradualmente incorporato elementi di studi ambientali, ingegneria alimentare, biotecnologia e ingegneria dei materiali.

Dove studiare ingegneria chimica

È una professione in cui le conoscenze di matematica, chimica e altre discipline di base, ottenute attraverso lo studio, la pratica e l'esperienza, sono applicate con giudizio per sviluppare modi economici di usare energia e materiali a beneficio della società. .

In Messico, ad esempio, ci sono un gran numero di università in tutto il paese che hanno una facoltà di chimica dove puoi studiare una carriera del genere, tra questi istituti si distinguono:

  • ISTITUTO TECNOLOGICO AGUASCALIENTES.
  • ISTITUTO TECNOLOGICO EL LLANO AGUASCALIENTES.
  • UNIVERSITÀ AUTONOMA DI AGUASCALIENTES.

Gli ingegneri chimici sono impegnati in tutte le attività associate alla lavorazione di materie prime (di origine vegetale, animale o minerale) che hanno lo scopo di ottenere prodotti di grande utilità e valore. Pertanto potrebbero sviluppare le loro attività in:

  • Impianti industriali / Aziende produttive.
  • Società di costruzione e / o assemblaggio di impianti e attrezzature.
  • Società che forniscono servizi tecnici (manutenzione, consulenza, controllo di qualità, ecc.).
  • Enti governativi o non governativi per controllo, accreditamento e standard.
  • Università di istruzione superiore.
  • Centri di ricerca e sviluppo (industriale / accademico).

Concetti essenziali di chimica

chimica

Quali sono le reazioni chimiche

Una reazione chimica è il processo di regolazione degli atomi e del concatenamento quando alcune sostanze entrano in contatto. I tratti chimici variano modificando l'adattamento degli atomi in quella sostanza.

Ciò che è una reazione chimica potrebbe anche essere definito da due punti di vista, uno quello macroscopico che lo concettualizza come "un metodo attraverso il quale una o più sostanze vengono create da un'altra o da altre" e quella nanoscopica che il definito come "una ridistribuzione di ioni e atomi, creando altre strutture (reti o molecole)".

La concettualizzazione simbolica di ciascuna delle reazioni è chiamata equazione chimica.

I risultati ottenuti da alcuni tipi di reagenti dipendono dallo stato in cui si manifesta la reazione chimica. Tuttavia, dopo un attento studio, si è verificato che, sebbene i risultati possano variare al variare delle condizioni, determinate quantità rimangono costanti in ogni reazione. Queste cifre costanti, le magnitudini conservate, coinvolgono il numero di ogni classe di atomo presente, la massa totale e la carica elettrica.

Che cos'è un legame chimico

Resta inteso come la miscela di atomi e molecole per creare composti chimici più grandi e più complessi dotati di stabilità. In questo sistema, le molecole o gli atomi modificano le loro proprietà chimiche e fisiche, formando nuovi elementi chimici omogenei (non miscele), inseparabili attraverso sistemi fisici come tappezzeria o filtraggio.

È una realtà che gli atomi che compongono la materia tendono ad unire e raggiungere condizioni più stabili del solo, attraverso diverse tecniche che condividono o bilanciano le loro naturali cariche elettriche. È noto che i protoni nel nucleo di ogni molecola hanno cariche positive e gli elettroni nel loro ambiente hanno cariche negative, mentre i neutroni che si trovano nel nucleo non hanno una carica, ma contribuiscono alla massa (e quindi alla gravità). ).

I legami chimici si verificano in natura e fanno parte sia della materia inorganica che delle forme di vita, perché senza di loro non sarebbe possibile costruire le complesse proteine ​​e gli aminoacidi che compongono il nostro corpo

Quali sono gli elementi chimici

Un elemento chimico è una sostanza costituita da molecole che hanno lo stesso numero di protoni nel suo nucleo, questo numero è noto come il numero atomico dell'elemento. Gli elementi non possono essere scomposti, attraverso una reazione chimica, in elementi più semplici. Sono rappresentati da simboli.

Un elemento chimico non viene scomposto in una sostanza più semplice da una reazione chimica. Per questo motivo, le sue molecole hanno caratteristiche fisiche uniche. In ogni caso, è importante non mescolare gli elementi (le cui molecole hanno lo stesso numero di protoni nel loro nucleo) con le sostanze semplici (i cui atomi hanno una singola classe di molecole).

Dobbiamo ricordare che nel concetto di chimica, una reazione chimica sono i cambiamenti chimici o i fenomeni in qualsiasi meccanismo termodinamico (lo sviluppo di alcune magnitudini rispetto a un processo termodinamico, cioè una parte dell'universo isolato per analizzarlo) in cui il metamorfosi di un minimo di due sostanze, la cui struttura e legami atomici si trasformano per far posto alla nascita di nuove sostanze, questo risultato è noto come prodotto.

Cos'è l'energia chimica

Quando parliamo di energia chimica, ci riferiamo a ciò che ha origine attraverso reazioni tra atomi di uno o più composti. Cioè, è l'energia interna che ha una sostanza o un corpo, a seconda dei tipi di legami che hanno origine tra i suoi componenti chimici e del numero di energia che può essere rilasciata dalle reazioni tra di loro.

Questo tipo di energia in chimica è uno dei modi in cui l'energia viene rivelata, in realtà è sempre associata alla materia e viene mostrata quando una specifica modifica ha origine in essa. Ciò potrebbe accadere in presenza di fonti di calore o di qualsiasi altra sostanza, causando uno scambio di particelle che di solito causa luce, calore e altre forme di energia dalla reazione.

In questo modo, sono uno stile di energia potenziale, incluso nelle sostanze chimiche, che una volta che agiscono in una reazione si trasforma immediatamente in un altro modo utilizzabile di energia. In questo modo, ad esempio, funzionano i sistemi di combustione di benzina e altri idrocarburi fossili.

Ciò che studia chimica del sangue

Ciò che è popolarmente noto come un esame del sangue riguarda in realtà uno studio di chimica del sangue, che consiste nell'estrarre e centrifugare un po 'di sangue, poiché diversi composti si dissolvono in esso, rendendo più facile sapere come Questo è lo stato di salute dell'individuo e, nel caso venga identificata una malattia, essere in grado di definire un trattamento corretto.

Si tratta quindi della corretta identificazione e lettura dei livelli dei composti chimici che si trovano nel sangue. Lo studio di questi componenti può essere molto utile, perché la quantità di sostanze diverse può aiutare a sapere come funzionano i diversi sistemi del corpo.

L'esame del sangue aiuta principalmente a valutare da tre a sei elementi come urea, acido urico, glucosio, colesterolo e trigliceridi. Tuttavia, a seconda delle specifiche del medico indicate in questo studio, può essere esteso a 32 elementi.

Che cos'è un attacco chimico

È un atto compiuto contro una nazione con armi chimiche o anche popolarmente conosciuta come armi nucleari. Questi eventi sono di grande gravità, poiché lasciano decine di morti causando un grande impatto globale dove costringe la maggior parte della comunità internazionale ad agire.

Gli attacchi chimici possono essere effettuati con sarin o dicloro gas, ad esempio l'attacco verificatosi nella città di Siria, Duma, nell'aprile 2018 durante una guerra civile nel paese.

Inoltre, un altro attacco di questo tipo è noto nella regione siriana di Guta nell'agosto 2013 con gas sarin.

Come fare una formula chimica

chimica

Le formule chimiche sono una rappresentazione abbreviata di sostanze, sono una sorta di chiave chimica o notazione (sono simboleggiate da segni convenzionali). Ogni tipo di sostanza esistente ha una sua formula, cioè una formula, in sé, servirà a rappresentare una singola sostanza.

Sono costituiti da simboli chimici (lettere) e pedici (numeri), che identificano la classe di molecola presente nella sostanza e la sua quantità. Sebbene, in alcuni campi della chimica, come la cosiddetta chimica organica, i composti dimostrino una certa ricorrenza funzionale e strutturale, che aiuta a riconoscere frammenti di atomi come radicali (unità molecolari con legami liberi) o insiemi funzionali (unità atomiche complete e chiusa).

Queste formule sono rappresentate e registrate per mezzo della cosiddetta tavola periodica degli elementi chimici.

Esempi di fenomeni chimici

Esistono numerosi fenomeni chimici, di seguito ne citeremo alcuni:

  • Disintegrazione di una medicina in acqua.
  • Estrazione dell'olio.
  • Ossidazione di un metallo.
  • Digestione alimentare.
  • Fermentazione aceto
  • Il latte trasformato in caglio.
  • La reazione di due o più sostanze (come la reazione di ossigeno e idrogeno per creare H2O).

Come descrivere le proprietà chimiche di un composto

Le proprietà dei composti sono diverse da quelle degli elementi che li compongono. Ciascuno dei composti ha una formula e un nome diversi. Questa formula indica quante molecole di ciascun elemento ha il composto. Ad esempio: la formula H2O (acqua), il 2 al centro indica che ogni particella d'acqua ha 2 atomi di idrogeno. La O simboleggia l'ossigeno, se dopo non ha un numero, indica che ogni particella d'acqua ha un atomo di ossigeno.

Qual è la nomenclatura chimica

La nomenclatura chimica si riferisce alle norme e ai regolamenti che guidano la designazione (nome o identificazione) delle sostanze chimiche.

Nella nomenclatura chimica, i composti organici sono quelli che hanno carbonio, solitamente collegati con ossigeno, idrogeno, zolfo, boro, azoto e alcuni alogeni.

Il resto dei composti è determinato come composto inorganico. Questi sono nominati secondo le regole stabilite dall'IUPAC.

Raccomandato

romanticismo
2020
Lesa Humanity
2020
introspezione
2020