Casa Milà

È un edificio di tipo modernista, popolarmente noto come "la pedrera" (la cava, in catalano), progettato dall'architetto Antoni Gaudí, situato a Barcellona. La costruzione impiegò sei anni per essere completata, dal 1906 al 1912, e fu eseguita su richiesta del matrimonio costituito da Pere Milà i Camps, un importante uomo d'affari nativo di Barcellona, ​​e Roser Segimon i Artells. È stato aperto al pubblico nel 1987 e da allora ha ricevuto in media 20 milioni di abitanti, 1 milione all'anno; Da questo, è diventata una delle principali attrazioni turistiche di Barcellona, ​​nonché una delle più visitate.

Casa Milà

Si trova nel distretto di Ensanche (Eixample, in catalano), in particolare sul Paseo de Gracia . Questa zona, durante i tempi di costruzione, era il luogo in cui i più ricchi della città decisero di riunire le loro case, con facciate mai viste prima e decorazioni lussuose. È una casa signorile, commissionata all'architetto Gaudí, che godette di grande fama, da Pere Milà i Camps e sua moglie, che godevano di una posizione finanziaria e sociale eccezionale. La visione di Milà era quella di un grande edificio il cui piano principale era la sua residenza; Gaudí ha soddisfatto questo desiderio; tuttavia, verso il 1909, avrebbe abbandonato la direzione del progetto, a causa delle differenze con Milà riguardo alla decorazione del luogo. Alla fine, Gaudí ha dovuto processare il promotore, in modo che potesse pagare le sue tasse (105.000 pesetas).

La trama in cui è stata costruita è di 34 per 56 metri, con 1835 m2 di superficie; Si compone di 6 piani, due cortili interni, un soppalco, un seminterrato e una terrazza sul tetto, oltre a due edifici indipendenti, che hanno solo comunicazione con il resto della casa attraverso il piano terra. È stato dichiarato nel 1966 come monumento storico-artistico nazionale, nonché patrimonio mondiale dell'UNESCO. Nel 1986 la Caixa de Catalunya lo acquistò e realizzò una serie di processi di conservazione e restauro della proprietà; nel 1987 ha aperto le sue porte al pubblico.

Raccomandato

Tredici colonie
2020
monarchia
2020
Agricoltura commerciale
2020