bulimia

Chiamata anche bulimia nervosa e bulimarexia, è un disturbo alimentare e psicologico, in cui la persona ossessionata dal suo peso tende a mangiare eccessivamente ripetutamente in un periodo di tempo molto breve e seguita da essa, nel disperato tentativo di perdere peso. peso acquisito mangiando cibo, causando vomito forzato, prendendo lassativi o facendo esercizi di allenamento molto forti.

bulimia

In questo modo, la persona che presenta la bulimia si allontana da uno stile di vita sano, con una dieta inadeguata, che può causare diverse conseguenze per il corpo.

La bulimia è considerata una dipendenza segreta, che domina il pensiero della persona, sminuisce la sua autostima e minaccia la sua vita.

L'ossessione del bulimico per il suo peso è così grande che la persona distorce la realtà dell'apparenza del suo corpo, dal momento che si guarda allo specchio e trova una persona obesa o in sovrappeso, mentre in realtà potrebbe presentare anche livelli di malnutrizione.

Questo disturbo risale al tempo degli egiziani, che descrivevano i sintomi nel Talmud ebraico . La parola bulimia deriva dal greco e significa "fame di bue", praticata quotidianamente a suo tempo e in quella dei romani.

Fu solo nel 1980 che l'American Psychiatric Association riconobbe formalmente la bulimia, incluso questo disturbo nella pubblicazione del suo manuale per la diagnosi e la statistica dei disturbi mentali, dove elencarono i criteri o i "sintomi" che possono diagnosticare la bulimia.

Il processo bulimico è ripetitivo, con una frequenza minima di due volte a settimana, per tre mesi:

  1. Il "grande mangiatore" o "la rapina": consiste nel mangiare per un periodo di tempo, generalmente meno di due ore, una quantità molto più grande di cibo rispetto alla maggior parte delle persone che mangerebbero nello stesso periodo di tempo.
  2. Sensazione di autocontrollo: in cui la persona sente di non avere alcun controllo su se stessa durante l'episodio incontrollato, rendendogli così difficile smettere di mangiare.
  3. Pentimento: imbarazzato da un'eccessiva assunzione di cibo e motivato dall'ossessione di non voler ingrassare, la persona ricorre a vomito forzato, uso improprio di lassativi, diuretici o clisteri (un tipo di lassativo), digiuno o esercizio fisico eccessivo.

In questo modo, lo specialista è in grado di diagnosticare che la persona ha la bulimia. Tuttavia, ci sono persone che rispondono solo a una o due caratteristiche della bulimia, che devono anche essere trattate seriamente, per evitare condizioni di salute .

Nonostante il fatto che la bulimia si concentri sul modo di mangiare della persona e sulla paura di ingrassare, in realtà è un modo in cui le persone affrontano le loro afflizioni personali e il dolore emotivo.

Raccomandato

bioma
2020
tossicologia
2020
Nabo
2020