biocompatibilità

I materiali biocompatibili sono caratterizzati dall'avere la proprietà di non degradare o distruggere l'ambiente con cui coesistono, cioè non distruggere il mezzo biologico in cui esercitano la loro azione, per questo motivo sono materiali utilizzati e implementati negli esseri viventi come umani, piante o animali, un altro nome per elementi biocompatibili è "biomateriali".

biocompatibilità

A causa del concetto esposto, è facile capire quindi che questi materiali sono utilizzati nella maggior parte dei casi in ambito sanitario o ospedaliero, i materiali utilizzati per il contatto con il tessuto e la mucosa interna degli esseri umani sono biocompatibili, esempi di questi elementi sono cateteri, sonde, siringhe sterili, tra gli altri.

Questi materiali possono avere un contatto breve o prolungato con il paziente, se è breve c'è il rischio di diventare intossicato o ipersensibile al materiale utilizzato, d'altra parte se il contatto verrà posticipato o prolungato, si dovrebbe tenere molto conto, che non hanno alcun tipo di reazione nei confronti del paziente, ovvero sono materiali totalmente inerti e dopo che i materiali utilizzati sono stati assorbiti o subiscono un degrado, in modo che successivamente vengano soppiantati dal normale tessuto del paziente; Un esempio di ciò sono le suture assorbibili utilizzate per i punti interni.

Un'altra caratteristica che non può essere trascurata, che questi materiali devono possedere, è che esiste un'unione completa e permanente con il tessuto, come nel caso degli impianti ortopedici o anche degli impianti dentali.

Raccomandato

America
2020
antropometria
2020
proletariato
2020