biochimica

La biochimica è una scienza che studia la chimica della vita; cioè, mira a descrivere la struttura, l'organizzazione e le funzioni della materia vivente in termini molecolari. Questa scienza è una branca della chimica e della biologia. La biochimica è una scienza interdisciplinare, in quanto attinge i suoi argomenti di interesse da molte altre discipline come chimica organica, biofisica, medicina, nutrizione, microbiologia, fisiologia, biologia cellulare e biologia genetica.

biochimica

chimica

Cos'è la biochimica

La definizione di ciò che è biochimica stabilisce che è la scienza che ha il compito di descrivere la composizione chimica di tutti gli esseri viventi dal punto di vista molecolare, in base alla premessa che tutti gli organismi viventi contengono carbonio e che queste molecole contengono tali elementi. come fosforo, ossigeno, zolfo, azoto, carbonio e idrogeno.

Il concetto di biochimica stabilisce anche che è di natura scientifica. Tra gli aspetti che studia ci sono i biomi, che sono spazi sul pianeta che condividono caratteristiche come la flora, la fauna e il clima ; e i biosistemi, che sono i sistemi che compongono tutti gli esseri viventi all'interno di una determinata regione e che condividono una relazione reciproca.

Cosa studia la biochimica?

Molte delle aree studiate dalla biochimica sono proteine, acidi nucleici, lipidi e carboidrati, che sono biomolecole che compongono tutti gli esseri viventi. Studia anche le loro reazioni, come il metabolismo; catabolismo, che sta ottenendo energia da queste reazioni; e anabolismo, che è la generazione di molecole di vita.

È anche responsabile dello studio della composizione chimica di queste molecole e di come esse generano le reazioni necessarie alla vita, come la fotosintesi (conversione dell'energia luminosa in energia chimica stabile), la digestione (conversione del cibo in sostanze più semplici per l'assorbimento dell'organismo) o immunità (la resistenza dell'organismo a una malattia o una minaccia al sistema).

Per lo studio di questa scienza, ci sono libri di biochimica che raccolgono le conoscenze nell'area che è stata ottenuta. Uno dei più importanti è il libro di Harper, Illustrated Biochemistry, che è costituito da uno studio su enzimi, proteine, aminoacidi, peptidi, tra gli altri aspetti di interesse per la disciplina, che consente una comprensione più profonda del concetto di biochimica.

Storia della biochimica

La definizione di biochimica non ha una lunga storia, poiché è praticamente nuova ed è stata data dal 19 ° secolo, quando le scienze della chimica e della biologia si sono fuse per far posto a una nuova disciplina, che è la biochimica.

Tuttavia, circa 5000 anni fa, nello svolgere attività come la preparazione del pane, la reazione del lievito (fermentazione) fu uno dei primi test biochimici effettuati, sebbene la disciplina non fosse a conoscenza di quel momento.

La parola "biochimica" è stata proposta dal chimico Carl Neuberg (1877-1956), che è considerato il padre di questo ramo, che ha studiato i processi di fermentazione, la glicolisi e, attraverso vari studi, è riuscito a stabilire metodi per comprendere le fasi della fermentazione alcolica del glucosio.

Inoltre, altri esperti come Louis Pasteur (1822-1895), Friedrich Wohler (1800-1882) o Claude Bernard (1813-1878), si dedicarono allo studio e alla sperimentazione della chimica relativa agli esseri viventi. Fu nel 19 ° secolo anche quando prestigiose università del mondo dedicarono un dipartimento per la ricerca e lo sviluppo della disciplina, che avevano chiamato chimica fisiologica.

Wohler ha dimostrato che i composti organici possono essere creati al di fuori di un organismo vivente, quando è riuscito a sintetizzare l'urea; E poi il chimico Anselme Payen (1795-1871) scoprì la diastasi, che è un enzima presente in alcuni semi e piante.

Nel 20 ° secolo, la tecnologia ha permesso l'accelerazione dei progressi di questa disciplina, come il microscopio elettronico, i raggi X e la cromatografia. Ciò ha permesso la scoperta delle cosiddette vie metaboliche, che sono le successioni delle reazioni chimiche che un substrato esegue, nei cui processi viene trasformato.

Gli studi biochimici hanno consentito progressi nel trattamento di molte malattie metaboliche e nella conoscenza del genoma umano. Oltre che nel campo della medicina, viene applicato anche in odontoiatria, agricoltura, pratica forense, antropologia, scienze ambientali, tra gli altri.

Negli anni '40 e '50, la ricerca condotta presso l'Università di Cambridge, ha permesso di scoprire l'esistenza e la struttura dell'acido desossiribonucleico o del DNA, la molecola che definisce ogni essere vivente. Nel 1953, il biologo James Watson (1928) e il fisico Francis Crick (1916-2004) descrissero la struttura a doppia elica del DNA, essendo uno dei progressi più importanti nella storia della scienza. Fu allora che biochimica, biologia cellulare e genetica si intrecciarono per formare la biologia molecolare.

Aree di biochimica

In biochimica si possono differenziare diverse aree, tra cui:

Chimica strutturale

Si riferisce alla struttura dei componenti della materia vivente e al rapporto tra funzione biologica e struttura chimica.

metabolismo

Si riferisce alla totalità delle reazioni chimiche che si verificano nella materia vivente, dove si intende conoscere le vie metaboliche cellulari esistenti nell'organismo, studiando tutte le reazioni chimiche e biologiche che rendono possibile la vita.

Genetica molecolare

Studia i geni, l'eredità e il modo in cui si manifestano. Questo ramo è quello che studia DNA e RNA e cerca di decifrare il modo in cui il primo si replica da un organismo all'altro.

Oltre a queste aree, ce ne sono altre come:

  • Chimica bioorganica, che studia i composti organici o, più specificamente, quelli con legami carbonio-idrogeno o carbonio-carbonio.
  • Enzimologia, che studia il comportamento di enzimi o catalizzatori, come le vitamine.
  • Xenobiochimica, che studia il comportamento del metabolismo dei composti, la cui struttura non è tipica in un determinato organismo.
  • Immunologia, che è responsabile dello studio delle reazioni del corpo ad altri che li attaccano, come i virus, con gli anticorpi che agiscono su di esso.
  • L'endocrinologia studia le secrezioni, come gli ormoni che influenzano il comportamento di determinate cellule e funzioni.
  • La Neurochimica studia quelle molecole che influenzano l'attività neuronale.
  • Chemiotassonomia, in questo ramo gli organismi sono classificati e identificati in base alla loro somiglianza chimica.
  • L'ecologia chimica studia i composti viventi che influenzano le interazioni degli esseri viventi.
  • La virologia, che è un'area della biologia incaricata di studiare i virus, al fine di classificarli, conoscerne la composizione e il modo in cui funzionano.
  • La biologia molecolare, che studia i processi degli esseri viventi da un punto di vista molecolare e attraverso il comportamento delle macromolecole, spiega le funzioni di ciascun organismo vivente.
  • La biologia cellulare studia cellule procariotiche (organismi monocellulari senza nucleo) ed eucarioti (cellule con nuclei), divisione cellulare, moltiplicazione, tra gli altri processi.

Cos'è l'ingegneria biochimica

L'ingegneria biochimica è la carriera che deve essere seguita per dedicarsi allo studio delle biomolecole, delle loro dinamiche, dei loro percorsi metabolici e di tutti i fenomeni che hanno origine chimica e biologica degli esseri organici per l'uso delle risorse che possono derivare da essi e, attraverso altri processi artificiali, commercializzali. È una professione relativamente nuova, poiché non supera i 30 anni dalla sua nascita, ma ha aumentato la sua domanda e applicazione.

Tra le principali attività svolte da un ingegnere biochimico vi sono quelle di sfruttare queste risorse, che possono essere utilizzate per la fabbricazione di alimenti, medicinali fermentati o bevande o altre sostanze. Inoltre, il professionista in ingegneria biochimica supervisiona tutti i processi che si verificano nel settore in cui vengono utilizzati questi sistemi biologici, allo stesso tempo deve svolgere ricerche per il miglior utilizzo delle risorse.

Ci sono diverse aree nel suo campo di lavoro in cui può lavorare, come, ad esempio, nel settore alimentare, in aziende che producono prodotti lattiero-caseari, carne, verdura, frutta, bevande, vari tipi di dolci, additivi e altri ingredienti; nel settore farmaceutico, per la produzione di antibiotici, ormoni, vaccini e altri prodotti di origine biologica; e altri tipi di settori diversi, che possono comprendere istituti di istruzione o centri di ricerca in cui vengono sviluppate nuove tecniche e risorse per la fabbricazione di altri prodotti di origine biologica.

Studia biochimica

Per lavorare come professionista in questo settore, è possibile studiare carriere legate allo studio di agenti di origine biochimica e ci sono diverse opzioni in almeno 23 stati del Messico.

Nel paese ci sono le professioni di ingegneria biochimica, laurea in analisi chimico-biologiche, laurea in biochimica, carriera di chimico farmaceutico biologico, ingegneria biochimica ambientale, laurea in diagnostica biochimica, laurea in chimica biologica, laurea in chimica batteriologica Ingegneria alimentare parassitologica, biochimica e ingegneria biochimica industriale.

Raccomandato

Lúdico
2020
permeabile
2020
antipasto
2020