Arti marziali

Le arti marziali sono una serie di tecniche create per la difesa e il combattimento in combattimento . Sono caratterizzati dalla forma organizzata dei loro metodi di combattimento, dalla coerenza e dalla codificazione delle loro tecniche, che hanno permesso loro di differenziarsi dai combattimenti di strada. Attualmente le arti marziali sono praticate per vari motivi: protezione personale, sport, salute, disciplina mentale, fiducia in se stessi.

Arti marziali

Le caratteristiche più rappresentative di queste tecniche è il modo in cui viene esercitato l' equilibrio tra corpo, mente e spirito ; aggiungendo una corrente filosofica per ogni disciplina che emana e che viene trasferita di generazione in generazione, migliorando ogni volta lo stile. Le arti marziali sono state praticate fin dai tempi antichi, emergendo come un modo per preservare l'integrità fisica, causando il minor danno possibile di fronte all'aggressività e perfezionando forza e resistenza.

Le arti marziali sono generalmente legate alle arti antiche e leggendarie del mondo orientale, motivo per cui le persone che la praticano maggiormente provengono dalla Cina e dal Giappone.

La moderna concezione delle arti marziali comprende una grande varietà di stili che variano a seconda delle loro origini o filosofia. Tuttavia, sono classificati in due tipi: quelli orientati al combattimento armato e quelli che si distinguono per non usare alcun tipo di arma.

Arti marziali che fanno uso di armi:

Ninjutsu : è un'arte marziale giapponese, utilizzata per lo spionaggio e la guerriglia. Tradizionalmente questo metodo veniva usato nei tempi antichi dai ninja sui campi di battaglia. Attualmente il ninjutsu è limitato solo all'uso di colpi, lussazioni articolari, demolizioni e l'uso di armi tradizionali, tra le quali spicca il "ninjato", una specie di spada molto affilata; il "kaginawa" ( gancio attaccato ad una corda); il "tekken" (anelli con varie punte di metallo).

Kenjutsu: rappresenta un'antica arte marziale giapponese della scuola, il cui scopo è insegnare a combattere efficacemente usando la sciabola . Oggi rimangono ancora molte scuole di pratica di questo stile. I dojo del Kenjutsu rimangono ancora in tutto il territorio giapponese. Tuttavia, il numero di praticanti è molto piccolo, forse a causa della natura marziale della pratica e del distacco delle nuove generazioni per preservare gli aspetti più tipici della cultura giapponese.

Eskrima: è un'arte marziale filippina, che è stata a lungo influenzata da diverse discipline marziali orientali e occidentali, una delle più recenti è la classica scherma spagnola. Questa tecnica si basa sull'uso di varie armi da combattimento: bastoni di legno, pugnali, machete, asce, ecc.

Arti marziali che non impiegano l'uso di armi:

Karate: è un'arte marziale tradizionale del Giappone, che consiste nel dare colpi con il bordo della mano, dei gomiti e dei piedi.

Kung Fu: è una disciplina tradizionale cinese la cui filosofia è "corpo sano e buona salute" . Questa arte marziale era originariamente praticata dai monaci buddisti che la eseguivano per aiutarli nelle loro meditazioni; nel tempo si sono trasformati in abilità di combattimento.

Taekwondo : è un'arte marziale di origine coreana, molto popolare oggi. Questa disciplina combina i metodi di karate e kung fu.

Raccomandato

cariatide
2020
staffe
2020
Postura
2020