Archaea

Gli archaea sono un gruppo di microrganismi unicellulari che, come i batteri, hanno una morfologia procariotica, cioè non hanno un nucleo o organelli membranosi interni, ma sostanzialmente sono diversi da loro, in modo da integrare il proprio ambiente. Gli archaea non richiedono la luce solare per il processo di fotosintesi, come nel caso delle piante, né richiedono ossigeno.

Archaea

La maggior parte degli archei ha una parete cellulare costituita da proteine che formano un raggruppamento rigido che copre lo strato esterno della cellula creando una rete protettiva che chimicamente e fisicamente la cellula.

È importante sottolineare che l' analisi di questi microrganismi nei loro inizi era collegata a quella dei batteri, tuttavia, le loro caratteristiche uniche hanno cominciato a essere osservate, che non necessariamente rispondono con le stesse caratteristiche dei batteri e di altri organismi procariotici.

Questo termine è di origine greca e significa "antico", questo perché hanno un antico meccanismo molecolare, che è stato preservato senza alcuna modifica significativa a qualsiasi altra famiglia di microrganismi .

Questi microbi vivono principalmente in ambienti estremi, motivo per cui sono chiamati estremofili . Mentre ce ne sono altri che sopravvivono ai livelli e alle temperature di salinità comuni, e ci possono anche essere alcuni che vivono nell'intestino degli esseri viventi.

Gli archaea termofili sono quelli che vivono in ambienti estremamente caldi, mentre quelli che vivono in ambienti super salati sono chiamati ipersaline, hanno la capacità di vivere in ambienti estremi in cui altri organismi non possono abitare.

Gli archei si trovano liberamente in natura: nelle sorgenti, nei suoli, ecc.

Raccomandato

Battisti
2020
oligarchia
2020
locanda
2020