apocrifo

Etimologicamente la parola apocrifo deriva dal greco "apokriptein" dove "apo" significa "lontano" e Kryptein significa "nascosto". Normalmente questo termine è usato per indicare qualcosa di falso, che non è verificato, tuttavia è una parola che viene utilizzata nel contesto religioso per riferirsi ad alcuni libri sacri che non sono inclusi nella Bibbia e che quindi sono Sconosciuto alle persone, questi scritti sono tenuti nascosti poiché alcune delle idee incorporate in esse contraddicono il cristianesimo o si basano su situazioni di fantasia, e il modo in cui sono state scritte è fonte di confusione per il lettore.

apocrifo

I vangeli apocrifi, sono quelli che hanno avuto origine durante i primi secoli del cristianesimo e che la sua formulazione ruotava attorno alla vita di Gesù, questi non furono incorporati nel canone della Chiesa cattolica e non furono accettati dalle altre chiese (ortodossi, Protestante, ecc.). A questi scritti fu dato il nome di Vangeli, per il loro aspetto simile a quello dei quattro Vangeli accettati nel canone del Nuovo Testamento, tuttavia la disuguaglianza tra i testi apocrifi e canonici risiede nel modo in cui sono scritti.

Nei vangeli canonici la paternità della stessa appartiene ad alcuni degli apostoli la cui interpretazione è considerata vera poiché erano testimoni oculari degli eventi ivi descritti e che sono quelli di Matteo, Marco, Juan e Lucas. D'altra parte, i vangeli apocrifi, la paternità sono attribuiti a un apostolo senza sapere se fosse davvero lui a scriverlo. Un esempio potrebbe essere il Vangelo di San Tommaso, quello di Maria Maddalena, ecc.

Raccomandato

albume
2020
Design tessile
2020
I dispositivi
2020