antigene

Etimologicamente la parola antigene è di origine greca. Il prefisso "anti" che significa opposto e "geno" che si riferisce a generare. L'antigene è quella sostanza che una volta introdotta nel corpo induce a produrre anticorpi per combatterlo. Esempio: virus, funghi, parassiti, ecc. Gli antigeni sono quasi sempre particelle estranee e tossiche che quando entrano nel corpo si legano immediatamente a un certo anticorpo, questo anticorpo ha la capacità di distruggerlo.

antigene

Esistono altre opinioni su cosa possa essere un antigene, si dice che sia una molecola esperta a causare una risposta nel sistema immunitario attraverso l'attivazione dei linfociti, questi sono comunemente di origine proteica sebbene possano anche essere carboidrati . Per classificare gli antigeni dobbiamo conoscere la loro natura, una volta determinata la loro origine possiamo classificarli come segue. Gli antigeni esogeni sono quelli che vengono introdotti nel corpo dall'esterno, ad esempio mediante iniezione, inalazione o ingestione .

Gli antigeni endogeni sono quelli che sono stati prodotti al centro di una cellula a seguito di infezioni virali e batteriche. Una volta che questo antigene è presente all'interno della cellula, verrà riconosciuto dai linfociti che si attivano e iniziano a secernere tossine che causeranno la morte della cellula infetta. Gli auto-antigeni sono quelli che il sistema immunitario identifica e che si verificano frequentemente nei pazienti che soffrono di qualche tipo di malattia autoimmune . Gli antigeni tumorali sono quelli che si trovano sulla superficie dei tumori.

Raccomandato

valore
2020
Assassino seriale
2020
monopolio
2020