Alieni Iuris

Alieni iuris è un termine derivato dal latino, che nella nostra lingua potrebbe essere tradotto come "senza diritto" o specificamente "sotto il diritto di un altro" . L'alieni iuris è una qualifica del diritto romano, che viene utilizzata per riferirsi a quelle persone che sono sotto il dominio, la soggezione, il giogo o il possesso di un altro ; vale a dire, è l'individuo che è soggetto, soggetto o represso all'autorità dei genitori o al potere di un altro. Differenziando da questa qualifica è il termine sui iuris o legge propria, un nome che è stato dato alle persone, per lo più di sesso maschile, per descrivere che avevano piena capacità giuridica e che godevano anche di una serie di poteri che il le persone premiate con l'alieni iuris n.

Alieni Iuris

Questo fu un fenomeno che si verificò nelle famiglie romane, con lo scopo di qualificare i suoi membri. e quelle persone che furono sottomesse sotto il mandato dei sui iuris, o del potere familiare, indipendentemente dall'età o dal sesso, erano i cosiddetti alieni iuris, che comprendevano i filiusfamilias, il cui nome veniva dato al discendente legittimo o adottivo delle cosiddette paterfamilie esistenti . La donna che era soggetta al mandato del proprio marito o del padre, anche la persona "in causa mancipi", che era quella persona che godeva della piena libertà data in noxa per i reati commessi, o in garanzia di responsabilità delle paterfamilie da cui dipendeva.

Le persone con il titolo di alieni iuris avevano una capacità limitata riguardo alla situazione di dipendenza che era sul pater . Pertanto, i Filii, che erano i bambini biologici, adottivi e schiavi, non potevano sposarsi senza ottenere l'autorizzazione del capofamiglia o del pater; anche per quanto riguarda la loro situazione patrimoniale, avevano uno stato simile a quello degli schiavi, poiché ciò che acquisivano era annesso al patrimonio di pater .

Raccomandato

embriologia
2020
cattolico
2020
io lavoro
2020